Visita guidata degli Invalidi

«Desidero che le mie ceneri riposino sui bordi della Senna, tra questo popolo francese che ho tanto amato». Napoleone Bonaparte


Ben riconoscibile grazie alla sua immensa cupola dorata, l’antico Ospedale degli Invalidi troneggia nel paesaggio parigino. L’architettura sobria, in stile classico francese, ci ricorda che in origine ospitava dei soldati invalidi, come il suo nome lo indica ancora. L’edificio fu voluto dal Re Sole, che avendo fatto molte guerre per affermare il predominio della Francia sull’Europa, volle dedicare uno spazio ai suoi guerrieri rimasti invalidi. Nell’immaginario collettivo però questo luogo è legato soprattutto alla figura di Napoleone Bonaparte. Difatti è qui che riposa l’imperatore, in un fastuoso mausoleo, costruito proprio sotto la cupola dorata. Nel 1840, le sue spoglie, furono riportate in Francia dall’isola di Sant’Elena, dove Bonaparte morì nel 1821. L’architettura rigorosa, ritmata da un austero decoro, simboleggia la disciplina militare e ci riporta a due grandi epoche della storia francese: il regno del Re Sole e l’impero di Napoleone.

Visita degli Invalidi

 

 

 

Questa visita comprende:
•   l'introduzione del monumeto degli Invalidi* e presentazione della storia e dell’architettura
•   la cripta con la tomba di Napoleone I°

 

*La visita al complesso degli Invalidi prevede il pagamento di un bigliettodi 14 € ad adulto, i giovani fino a 26 anni provenienti dall’Unione europea non pagano


La visita dura 2h00

(Il contenuto della visita ha valore indicativo e non contrattuale)

Accesso

Lato Esplanade des Invalides, 129 rue de Grenelle

Lato Place Vauban


Orari d’ingresso

Tutti i giorni dalle 10h alle 18h


Numero di persone

Da 2 a 25 persone max


Durata della visita

2h00


Biglietti

Il diritto di conferenza e i biglietti d’ingresso ai monumenti non sono inclusi nel prezzo della visita, sono a carico del visitatore


La façade septentrionale de l'hôtel des Invalides au crépuscule © By Daniel Vorndran / DXR, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=31962731