Visita guidata del museo-giardino d’Albert Kahn

Finanziere, industriale, grande filantropo e viaggiatore, Albert Kahn fu anche un pacifista e un gran mecenate. Creò gli «Archivi del Pianeta», inviando ai quattro angoli del mondo dei fotografi per immortalare un mondo in profonda mutazione, che stava scomparendo. Almeno 72000 fotografie a colori, 4000 in bianco e nero e oltre 100 ore di film, costituiscono una testimonianza unica e una fonte inestinguibile per i ricercatori e studiosi di tutto il mondo. Inoltre, ci ha lasciato uno splendido giardino, che è il suo testamento morale ed etico. In effetti, Albert Kahn era animato da un ideale di pace e il suo giardino è il riflesso di queste sue convinzioni. Qui coabitano diversi tipi d'ecosistemi e di piante che provengono da varie parti del mondo, le quali vivono in armonia le une con le altre, senza distruggersi. Un giardino alla francese, un giardino all’inglese, una foresta dei Vosgi, una di colore blu, un’altra dorata, fino a raggiungere il magnifico giardino giapponese. Una visita alla museo-giardino d’Albert Kahn è l’occasione di riscoprire il mondo di un grande personaggio vissuto tra il 19° e il 20° secolo, ancora troppo sconosciuto dal grande pubblico.

 


Proposta di visita

  1  

 PERCORSO «IL MUSEO-GIARDINO»

 

Questa visita comprende:

  • una circuito nei giardini d’Albert Kahn (si tratta di una visita a contenuto storico e non botanico)
  • la presentazione della vita d’Albert Kahn e degli «Archivi del Pianeta»

 

INFORMAZIONI

Il contenuto della visita ha valore indicativo e non contrattuale

Il diritto di conferenza e i biglietti d’ingresso ai musei non sono inclusi nel prezzo della visita, sono a carico del visitatore

Accesso:

10-14, rue du Port 92100 Boulogne-Billancourt

 

Orari d’ingresso:

Dal martedì alla domenica

Dal 1° ottobre al 30 aprile dalle 11h alle 18h

Dal 1° maggio al 30 settembre dalle 11h alle 19h


Musée Albert Kahn - Jardin japonais © Par Apostoly (Travail personnel) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) ou CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons